Probabilmente la ricetta Gallurese per eccellenza, quello che ora un piatto da giorni di festa nasce negli stazzi come modo di utilizzare al meglio i semplici ingredienti a disposizione:

  • Pane raffermo
  • Brodo di carne (generalmente ovino o bovino)
  • Formaggio (pecorino o peretta)
  • Prezzemolo
  • Spezie ed aromi (ad esempio SUK o La Saporita)

Il pane, bagnato nel brodo viene disposto su una teglia, creando alternativamente strati di formaggio fresco, generalmente peretta (una sorta di provolone locale), pecorino, prezzemolo e spezie, a seconda dei gusti, in una modalità, se vogliamo, simile a quella che si usa per la preparazione delle lasagne.

Sebbene abbastanza semplice, il procedimento di preparazione ha innumerevoli varianti a seconda dei paesi del circondario, del tipo di pane utilizzato e degli accorgimenti che ogni buona cuoca tiene, evidentemente segretissimi. È infatti anche nota con il nome di zuppa cuàta, letteralmente nascosta, in gallurese.

Quando poi scopriamo che dela preparazione della zuppa gallurese si è parlato anche in una delle più popolari trasmissioni di cucina, vuol dire che il piatto è davvero conosciuto.

Link: Benedetta Parodi prepara la zuppa gallurese (con Flavio Soriga)

Commenti

commenti